NINTENDO si dimostra sempre molto attenta alla sua produzione, aggiungendo un altro tassello sulla protezione della qualità dei suoi prodotti, che dopo la revisione della scorsa settimana su potenziamento di alcune clausole dei difetti di NINTENDO SWITCH, ora propone una protezione ad hoc anche per gli eventi naturali dedicata alle sue Aziende.

In poche parole la compagnia starebbe predisponendo un piano di emergenza dopo cheil Ministero del Territorio, delle Infrastrutture e del Turismo ha constatato che in Giappone i verifica il 18,5% dei terremoti del mondo, nonostante il territorio copra solo lo 0,25% del pianeta. 

Una situazione, che a quanto pare, è stata condivisa anche dagli stessi Azionisti che ha gran voce hanno chiesto tutele maggiori per i loro prodotti.

 Shuntaro Furukawa, presidente di NINTENDO, ha affermato quanto segue:

Shuntaro Furukawa è il nuovo Presidente di Nintendo - - Gamereactor

“Anche se la nostra continuità operativa fosse ostacolata da una calamità naturale, come un terremoto, o da una pericolosa malattia infettiva altamente contagiosa che potrebbe causare gravi condizioni mediche, disponiamo di un piano di risposta documentato e abbiamo implementato diverse misure proattive in modo da poter ripristinare le operazioni il più rapidamente possibile”

“Se si verifica un disastro, convocheremo un comitato di risposta al disastro guidato dal presidente che agirà per confermare la sicurezza dei nostri dipendenti, proteggere l’integrità delle proprietà aziendali e assicurare il personale e i sistemi di comunicazione per lo sforzo di recupero”.

Le misure prese, secondo quanto si legge dal comunicato del Presidente, coinvolgerebbe la creazione di  backup dei dati e l’utilizzo di più partner di produzione per assicurarsi che le interruzioni siano minime.

Nell’ambito delle nostre attività di sviluppo, vengono regolarmente eseguiti backup delle informazioni critiche, come i dati dei giochi in fase di sviluppo. Questo ci permette di ripristinare i dati il prima possibile in caso di problemi”.

La produzione:

Per quanto riguarda la produzione, cerchiamo di ridurre i rischi complessivi, suddividendo le operazioni tra più subappaltatori, laddove possibile. Questo ci permette di mitigare l’impatto sulla produzione e sull’approvvigionamento dei materiali nel caso in cui l’impianto di un partner produttivo venga danneggiato”.

Protezione commerciale

“Per quanto riguarda le singole operazioni commerciali, abbiamo sempre lavorato per garantire la continuità dell’attività, rivedendo costantemente le nostre priorità in caso di emergenza e preparando piani d’azione per ogni reparto in tempi normali.”

D’altronde con una sede commerciale e produttiva localizzata in quel di Kyoto, dove i rischi terremoti sono molto alti occorre porre attenzione alla continuità del processo produttivo, a garanzia di lavoratori e clienti finali che distanti migliaia di chilometri potrebbero risentire di disguidi vari.