La notizia scaturisce dall’ultima riunione con gli investitori, dove Hiroki Totoki, CFO di Sony Corporation ha porta tato a conoscenza a tutti gli azionisti il buon risultato ottenuto su chip e semiconduttori per produrre nuove scorte di PlayStation 5.

PS5, obiettivo 'più di 7.6 milioni di unità' vendute entro la fine di marzo

Dunque Totoki avrebbe affermato di riuscire a coprire nuove scorte produttive per realizzare un numero di console tale da coprire le previsioni per l’anno fiscale in corso, che terminerà il 31 marzo 2022.

Certo l’assemblea ha anche evidenziato i difficili momenti produttivi di PS5, confermando comunque un trend di vendita eccezionale, pari a 10,1 milioni di unità vendute  dal lancio avvenuto a novembre 2020.

Considerando anche il report Finanziario di Sony emergono anche altri dati importanti, dove la compagnia cresce anche nel settore abbonamenti con 46.3 milioni di abbonati al PlayStation Plus,  in crescita di 1.3 milioni rispetto allo stesso trimestre dell’anno fiscale precedente.

Sony pubblica i risultati fiscali del 2020: PlayStation traina la casa  giapponese - HDblog.it

Un po’ diversa la situazione nel comparto giochi, dove nell’anno  fiscale 2020 Sony ha venduto 63.6 milioni di giochi per PS4 e PS5, 27.8 milioni in meno rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno fiscale.

Di questi, 10.5 milioni sono titoli first party, in calo rispetto ai 18.7 registrati dodici mesi fa, calano anche le vendite digitali che rappresentano ora il 71% del totale contro il 74% dello stesso periodo del 2020.

Purtroppo tanti bei numeri, anche se i giochi come vediamo hanno subito una flessione, ma la situazione reperibilità di PS5 sul mercato rimane sempre una chimera difficile da assestare, è di questo l’assemblea di SONY ne ha evidenziato il problema, al punto che lo stesso Totoki non sa dire quando la situazione tornerà alla normalità, ribadendo che i mesi passati con la Pandemia sono stati mesi tremendi per la produzione di PS5; problemi che hanno riguardato tutto il comparto dei vari prodotti hardware, tra cui PS5 e PS5 Digital, ma anche schede video, CPU e altre console come Xbox Series X/S.

Ultima considerazione emersa nell’assemblea è stata quella di impegnarsi per un futuro più produttivo, prendendo di mira il profitto

e smettere di vendere in perdita.