A rispondere a questa domanda è stato un Artista di ACTIVION, che ne ipotizza l’arrivo, dopo la dichiarazione su Xbox Series X anche su PS5.

ShutterMunster, Art Lead su ResetEra afferma che anche PS5 supporterà tale tecnologia del VRS in quanto la console sopporterebbe la tecnologia chiamata Geometry Engine , ovvero una caratteristica dell’architettura RDNA 2 di AMD alla base delle console next-gen.

 Il Geometry Engine mira a offrire un controllo senza pari sui triangoli e altre primitive per ottimizzare la gestione della gemoetria.

Un’ottimizzazione dunque necessaria per far lavorare insiame a frequenza variabile CPU e GPU impiegando una una velocità di clock inferiore, senza comunqua abbassandola troppo.

Visto questa caratteristica, ora possiamo capire come ShutterMunster potizzi l’arrivo del VARIABLE RATE SHADING.

Ma in specifico di cosa si tratta?

Questa tecnologia sarebbe una tecnica che permetterebbe di aumentare le prestazioni senza una perdita tangibile della qualità dell’immagine.

Abbassando i dettagli nelle zone dello schermo lontane dal campo visivo del giocatore si andrebbe ad agire aumentandone i dettagli delle zone in primo piano.

Piccola parentesi ragazzi, ma questa funzione non era stata già implementata nella vecchia DREAMCAST degli anni 80 per risparmiare sulla potenza grafica e spingere al massimo l’immagine in primo piano?

Comunque sia al momento rimane comunque una possibilità espressa ma non confermata dalla stessa SONY.

La situazione potrà essere svelata solamente con la presentazione completa della console, cosa che maggiormente tutti stiamo aspettando, per poter capire realmente il futuro di questa next-gen.