A cura di Alessandro Filippone di N64Italia

Metre Sony e Sega adottarono il supporto ottico,le software house seguirono la carovana del futuro…Nintendo era sempre più convita che
la console non serviva per ascoltare cd/vedere film ecc ma doveva servire a giocare !

Quindi restò con la cartuccia,anche per un discorso anti pirateria,e per tempi di caricamento moooltooo inferiori.
Da li vi lascio immaginare le polemiche del pubblico…e tante case come Konami/capcom ecc che erano cresciute con Nintendo,abbanonarono la N…
limitandosi a un paio di giochi.

Quando presentarono il nintendo 64 nel 1996,venne anche presentato il DD, progetto simile al Nes Drive oppure a quello che doveva essere lo SNES Playstation. Sega già aveva tentato questa strada con il MEGA CD,ma sappiamo tutti la fine.

Insomma il progetto c’era,la periferica anche…ma…
Nel 99 attendevo con ansia l’arrivo in italia….ma…ma… col caxx.

Il 64 DD nacque sopratutto per ovviare allo spazio limitato delle cartucce e ridurre i costi della cartuccia, infatti tale dispositivo riusciva ad utilizzare i dischi magnetici
con una capacità di 64,45 megabyte per lato, quindi tanto spazio per gli sviluppatori.(si collegava tramite la porta EXT Posta sotto il Nintendo 64)FUNZIONA SOLO CON N64 jap…i pal e USA si attaccano.

Quindi vi era un ampliamento della texture e di contenuti extra, rendeva il 64 ancora più veloce,sopratutto nel trasferimento dati.
Infatti tramite la fotocamera del GameBoy color si potevano traferire le immagini ed adattarle ai volti dei video giochi, immaginate i soldati di goldeneye 007,con il volto di vostra suocera….immaginate la goduria a farla fuori ?!!

Oppure creare nuovi tracciati in F-ZERO X ,con uno speciale editor…infatti con l’ausilio del Mouse 64 (in dotazione nel kit) si poteva usare il nintendone come un pc…gestione audio/video.

Era presente anche una tastiera (opzionale) un modem integrato 56K, e l’exapnsion Pack incluso, necessario per far funzionare l’ambaradan.

Oggi ,un oggetto di culto tra i collezionisti,è venduto a cifre spaziali, sopratutto boxato e completo di tutti gli accessori, superando i 2000.00 euro.

L’idea era buona ma forse troppo avanti con i tempi quasi come il virtual Boy, anche per i continui ritardi, sarebbe stato venduto solo in Giappone!
Dal 96 al 99 fecero si che la gente perse interesse,e sopratutto non era chiaro a tutti a cosa servisse questo aggeggio ,dove avrebbe avuto più senso,creare un 64 che avesse il supporto magnetico nativo.

La nintendo è famosa anche per questo…oltre ai capolavori, sperimenta, tenta e fallisce,ma si rialza SEMPRE in piedi…….magari 64 …….

😅