E’ tempo di notizie relative al servizio più’ chiacchierato sulla rete e di prossimo approdo nelle nostre case. Infatti di recente è giunta una nuova conferma relativa a Stadia,  che Google lancerà nel corso dell’autunno, dove è stato confermato che la piattaforma consentirà di provare le demo dei giochi, così da permettere di valutare l’acquisto come già accade ad esempio su PC e console.

A comunicare il tutto ci ha pensato  John Justice, Head of Product del team al lavoro su Stadia, intervenendo in un podcast dedicato al servizio, dove ha ribadito che la piattaforma non sarà il NETFLIX DEI VIDEOGAMES chiarendo che la sottoscrizione alla formula Pro dell’abbonamento (9,99 euro al mese) darà diritto all’accesso alla piattaforma e allo streaming dei titoli in formato 4K, ma non ai giochi, che andranno acquistati separatamente, singolarmente e a prezzo pieno. Queste le sue parole.

La nostra volontà è quella di consentirne la prova al maggior numero di persone possibile, che siano già presenti su Stadia o meno, così da permettere loro di scoprire nuovi giorni, nuove funzionalità e caratteristiche inedite.

Anche se non da subito, (ovvero al lancio della piattaforma a novembre) le DEMO verranno man mano rese disponibili su Stadia. Una delle cose che al momento non ci è ancora stato dato di sapere è se le stesse saranno garantite anche per gli ACCOUNT BASE DI STADIA.

Prima di lasciarvi vi ricordiamo che STADIA durante la GAMESCOM 2019 appena conclusa ci aveva permesso comunque di dare una breve sbirciata all’interfaccia grafica del PANNELLO DI STADIA, come nelle foto che vi riportiamo qua sotto.

Nella parte destra della UI una sorta di sidebar che in alto mostra la struttura dei nomi associati agli account dei giocatori: 
Parte dedicata agli Account
sezione dedicata alle impostazioni dove configurare i parametri relativi a connessione, controller e comparto audio.
Lo stato del network: “Great”  che certifica la velocità ottimale che comunque deve essere almeno di 10mb, mentre chi desidera spingersi fino al 4K dovrà necessariamente disporre di una connessione da 35 Mbps o più.